domenica 15 giugno 2008

L'Apparenza & la Sostanza

Quando, nel mio errare per blog di cucina in cerca di ispirazione, sono capitata qui, sono stata immediatamente conquistata.

La triste realta' e' che, dopo aver passato passato una tarda serata di venerdi' a confezionarla, questa Terrina di Melanzane al Timo e' risultata esteticamente carinissima, ma sostanzialmente deludente. Il timo rende tutto delicatamente aromatico, si', ma il sapore della melanzana paradossalmente si perde, ed il fatto che abbia scelto di alleggerirlo mettendo meta' panna e meta' latte di cottura dello spicchio d'aglio - invece di tutta panna - non ha probabilmente aiutato.
Forse vale la pena di riprovare aggiungendo del parmigiano ?
Valutero' questa possibilita', sempre che il clima di questi giorni si decida a volgere al bello/soleggiato/estivo/stagione-favorevole-alla-melanzana, invece di intirizzire ed intristire come in questi giorni (ieri sera 12°, stamane 14° ...).
La foto scattata e' certo aiutata dal flash, ma quel che si vede e' il riflesso di un autentico, raro, malaticcio raggio di sole.

2 commenti:

Bosina ha detto...

Non avevo ancora visto la ricetta del Cavoletto. Sì, anche a me pare manchi qualcosa: il riso, forse? Oppure sarebbe meglio grigliare le melanzane per dar loro un po' di sentore di affumicato, così come si fa per il caviar d'aubergines oppure la versione romena detta salata de vinete? In ogni caso, dal momento che la vedo come una ricetta mediterranea, io non insaporirei col parmigiano ma con un formaggio più sapido, ad esempio pecorino fresco. Che ne pensi? E un po' di basilico, dai, non ci starebbe male.
Un bacione, complimenti per il blog!

fedeccino ha detto...

E' probabile che tu sia nel giusto, col pecorino, ma mentre ti leggevo mi e' venuta in mente anche la feta.
Grazie :)

La Sorella DisSimile non è una testata giornalistica ma un semplice blog privato e amatoriale, senza alcuna pretesa giornalistica. Non può pertanto considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.