domenica 29 novembre 2009

Best-Cookie-Ever


Raramente le proporzioni di una ricetta fornita da Cavoletto possono tradire, e questa e' una delle ragioni per le quali il suo blog resta imprescindibile, nel panorama infinito dei foodblog italiani.
Dal mio folgoramento culinario di un paio di anni fa, ho preparato diverse cose proposte da Sigrid, alcune piu' volte, altre mai piu', quasi sempre incuriosita.
In onore della imminente presentazione del suo libro a Bologna, libro che gia' da un po' staziona sul tavolo del mio soggiorno (accanto a Martha Stewart, attualmente :P), ecco i biscotti all'arancia e olio di oliva che Sigrid pubblico' nell'aprile del 2007, qui con qualche variante che incontra maggiormente il gusto di fedeccino, risultato raggiunto dopo varie prove. Perche' alla fine il senso e' questo, passarsi spunti a vicenda, una specie di food-brainstorming virtuale, idee tecniche suggerimenti, che girano, e cambiano di mano, e di cucina. Cucina nell'era di internet, semplicemente, sempre con quella naïveté di cui parla cosi' bene Marie Claire del blog Du miel et du Sel.
Ed ecco the Best-Cookie-Ever.

2 arance bio - 80 gr olio di oliva - zucchero a velo in proporzione al succo delle due arance - 400 gr c.ca di farina 00 - 3 cc cremor tartaro - 3 tuorli - 1 albume - zucchero semolato per spolverare, q.b.

Gratuggiare le scorze delle arance, e spremerle. Pesare il succo (le mie ne hanno dato per 110 gr), e preparare la stessa quantita' di zucchero a velo. Unire olio di oliva, succo e scorza delle arance, zucchero a velo, tuorli, lievito e poca farina setacciati, e cominciare a mescolare. Aggiungere progressivamente il resto della farina, ed impastare fino ad ottenere una consistenza simile alla frolla. Avvolgere nella pellicola e riservare in frigo per una mezz'oretta.
Preriscaldare poi il forno a 180°, e stendere la pasta (io ho diviso il panetto in due parti, e l'ho stesa in due volte). Ritagliare i biscotti nella forma voluta.
In un piatto fondo versare dello zucchero semolato. Con un pennello passare l'albume su un lato dei biscotti, passare la parte spennellata nello zucchero, ricoprire leggermente di albume anche l'altra parte del biscotto, e rivoltarlo ancora nello zucchero in modo da ricoprirlo del tutto.
Porre su una teglia ricoperta di cartaforno, e cuocere per c.ca 6-8 minuti.
Risulteranno chiari, friabili e croccanti come zuccherini, con un delizioso aroma di arancia, e con qualcosa di quei biscottoni sardi buonissimi... insomma, fossi in voi proverei la mia variante :D.
Alla salute di Sigrid :)

16 commenti:

papavero di campo ha detto...

la naiveté (pardon non ho la dieresi) come dici tu è bella, il valore umano della spontaneità è un ingrediente imprenscindibile, così come il personalizzare, l'imprimere il nostro tocco -che avverrebbe comunque, intendo il filtrare con la nostra variabile

Claudia ha detto...

Ma che biscottini semplici fatti con l'olio e l'arancia super profumati quindi!!!!:-))))baci e buon inizio settimana :-D

lefrancbuveur ha detto...

La personalizzazione di una ricetta è tutto: la rende originale e a volte non banale.
ciao e buon inizio settimana.
Enrico

fedeccino ha detto...

Ciao Papavero ! Vero che e' cosi', e aggiungerei anche senza prendersi troppo sul serio :)
La dieresi in minuscolo si puo' ottenere miracolosamente con gli ascii, le varie vocali con alt+132 o 137 o 139 o 148.

Claudia grazie ! Buonissima settimana anche a te :)

Enrico, vi trovo concordi e ne sono felice, perche' in realta' molti si attengono religiosamente alle ricette senza adattarle. Un adattamento fatto con criterio, s'intende, senza sacrilegi culinari :)
Anche a te buona settimana :)

Haldeyde ha detto...

testimonio che erano buonissimi, saporiti come se grondassero burro ed invece non ce n'è.
Con o senza dieresi.

fedeccino ha detto...

Haldeyde, grazie della tua testimonianza. Sono cömmössa.

papavero di campo ha detto...

naïveté!
grazie mia cara!
sapevo del codice ascii certo!
ma pigra per mettermi a cercarlo, però ci sono tabelle contrastanti e stesso numero (sul tastierino numerico) corrisponde a simbolo diverso, allora mi sono incaponita ed ecco il 139 mi dà la dieresi sulla i (ï)
merci bien ma chérie!

Gunther ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gunther ha detto...

gran bei biscotti a volte gli ingredienti ingannano, nel senso che mi è capitato spesso che cambiando burro o altro si dovesse mettere a posto l'impasto, molti chef danno indicazioni sbagliate sulle ricette per non essere copiati, sul cavoletto di bruxelles sono daccorods è il blog più affidabile e simpatico

Ps chiedo scusa per un errore ho cancellato il commento

fedeccino ha detto...

Sai Papavero che dopo averti scritto quella cosa sugli ascii ho fatto una prova da casa e col notebook non mi funzionavano, le fetacchie ! In effetti ci sono diverse tavole, andro' per tentativi a seconda del mezzo, questa dieresi sta diventando una nemesi :)

Gunther, ciao ! Si', anche a me e' capitato diverse volte che altri blog rinomati fornissero proporzioni che sicuramente non potevano produrre il risultato che si vedeva in foto :) Dici che fosse per mantenere il segreto sulla ricetta ??
In ogni caso e' vero, Cavoletto e' affidabile :)

Henriette ha detto...

Bonjour Federica,
Chère amie lointaine et pourtant si présente!
Je suis encore un peu perdue mais je me remets vite au travail, on dit que cela fait oublier toutes les mauvaises choses...
Ma première tâche est de lire ton blog et de m'imprégner de toute ces écrits, j'ai fort à faire mais ce n'est que plaisir!
De gros poutous et à bientôt,
Henriette

fedeccino ha detto...

Henriette, egoistiquement je te dis : quelle chance que tu sois revenue !
J'ai pensé souvent a toi, et te lire m'a vraiment beaucoup manqué.
J'espère que doucement les choses puissent s'arranger, ou aumoins s'améliorer un peu, et que tu puisse trouver un petit rayon de lumière dans ce temps passé sur le blog. Ces contacts qui on l'air lointains, ont parfois le pouvoir de changer la couleur d'une journée, il suffit d'un mot ou d'un sourire, ou d'une sensation d'affinité qui fasse sentir moins seuls.
... c'est vrai, je sui présente ! ;)
Un abbraccio e a molto presto, Federica

germana ha detto...

@Bella questa variante e sicuramente buona.
Grazie, terrò presente.
buon we

Marie-France ha detto...

Bonsoir Fedeccino,
la traduction en français de ton billet est un pur moment de délire... Ha Google traduction !! J'en ai compris quand même le sens et je craque à la fois pour la forme de ces petits biscuits en forme d'étoiles et pour la délicieuse variante que tu nous proposes.
Bon week-end gourmand, amitiés de France,

fedeccino ha detto...

Ciao Germana, grazie della visita !
Fammi sapere se li provi :)

Marie France, c'est vrai, j'ai testé aussi la version française, le traducteur de Google est mieux d'un vieil episode des Nuls par Ailleurs :)) Si tu essayera les biscuits, dis-le moi :) A presto !

Jasmine ha detto...

Questi biscottini sembrano veramente perfetti, e il fatto che la ricetta poi sia passata di mano in mano è indizio del fatto che ci si può fidare: li proverò senz'altro :)
Grazie di aver condiviso questa ricetta ;)

La Sorella DisSimile non è una testata giornalistica ma un semplice blog privato e amatoriale, senza alcuna pretesa giornalistica. Non può pertanto considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.