domenica 28 marzo 2010

Gelato di Banane Arrosto


Sempre nell'evocativo blog di Melissa ho trovato questa ricetta tratta dal libro "The Perfect Scoop" di David Lebovitz. L'ho subito immaginata ed amata, il risultato e' stato un gelato cremoso e golosissimo, che rifaro' certamente anche perche' trovo che ben si adatti a questa stagione.

Ecco gli ingredienti :

3 banane medie piu' una per la decorazione - 70 gr zucchero muscovado, piu' 2/3 c. per la decorazione - 20 gr burro freddo a tocchetti, piu' qualche tocchetto per la decorazione - 375 ml di latte intero - 2 c. zucchero semolato - 1/2 c. sciroppo di glucosio - i semi di una bacca di vaniglia - 2 cc. succo di limone - un pizzico di sale

Preriscaldare il forno a 180°. Tagliare la banane a meta', ognuna delle quali si affettera' in tre parti per il lungo. Metterle in una teglia usa e getta in alluminio, cospargerle con lo zucchero e col burro a cubetti, ed infornare per 30 minuti. A meta' cottura mescolare per ricoprire le banane con lo sciroppo che si formera'.

A parte, frullare il latte coi semi di vaniglia, il glucosio ed il pizzico di sale.

A cottura ultimata, lasciare raffreddare le banane e frullarle con tutto lo sciroppo e col latte e succo di limone. Nel frattempo, preparare la decorazione affettando a rondelle una banana, e mettendola in forno come fatto in precedenza, ma con solo un paio di cucchiai di zucchero e poco burro, per una decina di minuti.

Trascrivo le istruzioni finali gia' pubblicate in altre ricette di gelato :
per chi ha una gelatiera, mantecare per 30 minuti e conservare per un ora nel congelatore, in un contenitore precedentemente raffreddato, prima di servire.
Altrimenti, e' possibile mettere il composto nel congelatore, ed ogni due ore c.ca 'rompere' i cristalli di ghiaccio che si saranno formati mescolando o frullando col minipimer, per poi riporre per altre due ore nel congelatore e ripetere l'operazione un altro paio di volte. La cremosita' dovrebbe in questo modo risultare ugualmente soddisfacente.
Servire ponendo una pallina di gelato su un letto di fettine di banana caramellate.

5 commenti:

Grazia ha detto...

ciao Federica! Per un po' non riuscivo ad accedere al tuo spazio ma per fortuna adesso si è ristabilito il contatto...
sto seriamente valutando l'acquisto di una gelatiera e tu stai convincendomi del tutto!
hai suggerimenti su marche e modelli?

intanto un abbraccio di buona pasqua e a presto

fedeccino ha detto...

Ciao Grazia, si' ho passato un periodo di hiatus, un po' stanca e un po' delusa, e da una sospensione tecnica di qualche ora la cosa mi ha preso la mano, finendo per sembrare un vero e proprio abbandono.
So' tornata :)
Il gelato e' il mio trip attuale, mi sono dotata anche di centrifuga, quindi tieniti forte perche' verso la stagione calda seguiranno anche esperimenti frutta-verdurosi e salini.
Quanto alle gelatiere, ho provato prima quella col cestello da raffreddare preventivamente, marca Simac, prezzo intorno ai 40 euro, e sinceramente a me il gelato non e' MAI venuto bene, proprio non manteca come vorrei, rimane troppo liquido.
In associazione (!) abbiamo quindi comprato il Gelataio Simac GC5000, con motore frigo indipendente (pesa come una persona), prezzo intorno ai 200 euro. Sia gelato che sorbetti riescono in modo professionale in 20/30 minuti, anche quelli con una base alcoolica consistente come il sorbetto allo champagne, che normalmente non gela bene e si scioglie poi con estrema facilita'.
E' un altro mondo :)

la belle auberge ha detto...

ciao, Federica. Invogliante questa ricetta di gelato! (anch'io fedelissima del SIMAC autorefrigerante). Le dosi dello zucchero e del glucosio sono in cucchiaini o cucchiai? grazie
eugenia

fedeccino ha detto...

Ciao Eugenia, vero che e' interessante ? Apre anche a nuove prospettive di altra frutta arrostita/caramellata, e poi gelatificata (fragole, fichi, pesche ...).
Con 'c' ho inteso cucchiaio, e con 'cc' cucchiaino.
Quindi due cucchiai di zucchero semolato, e 1/2 cucchiaio (o un cucchiaino abbondante) di sciroppo di glucosio. Quest'ultimo e' una mia aggiunta alla ricetta originale, sto testando per mantenere la cremosita' anche con la conservazione in congelatore per alcuni giorni - in alternativa, ho usato anche il latte condensato.
Ho l'impressione che il glucosio funzioni ancora meglio.
A presto !

la belle auberge ha detto...

grazie del chiarimento. Appena ho un attimo di respiro, mi ci applico.
Approfitto delll'occasione per farti tanti auguri di buona Pasqua.
eugenia

La Sorella DisSimile non è una testata giornalistica ma un semplice blog privato e amatoriale, senza alcuna pretesa giornalistica. Non può pertanto considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.