mercoledì 15 settembre 2010

Tarte aux Prunes

Le Stanley color inchiostro dell'albero del mio giardino, e le rosse varieta' Fortuna, sono le mie prugne preferite. Oramai l'albero del giardino ha dato i suoi frutti, molti dei quali rubacchiati dai merli e dalle ghiandaie che sbecchettano e poi, sdegnose, abbandonano il frutto caduto anche se praticamente perfetto, per la gioia di Nico che non si formalizza, e banchetta allegramente.

Su Elle à Table della rentrée ci sono diverse ricette con la prugne come ingrediente principale, questa e' una classica Tarte, facilissima e sempre riuscita, e le prugne rosse che si trovano ora al supermercato ci stanno benissimo.

Base:
250 gr farina - 40 gr zucchero - 125 gr burro appena ammorbidito - i semi di una bacca di vaniglia - 1 uovo - 2 c. di latte
Crema:
40 gr farina di mandorle (o nocciole) - 40 gr. burro (o crème fraiche) - 20 gr zucchero - 1 uovo
Copertura:
500 gr c.ca di prugne - 10 foglie di menta - 1 c. zucchero - 1/2 cc. cannella

Setacciare la farina, e mescolarla a zucchero e vaniglia. Aggiungere progressivamente il burro e 'sabler' il tutto (perfetta una macchina impastatrice). Unire poi l'uovo ed il latte, formare una palla impastando ancora un po' a mano, appiattirla, avvolgera nella pellicola per alimenti e lasciarla in frigo una mezz'oretta.
Preparare la crema frullando le mandorle con lo zucchero per ridurle in polvere, ed aggiungendo il burro fuso e l'uovo.
Lavare le prugne, snocciolarle e tagliarle in quattro.
Preriscaldare il forno a 180°, riprendere la pasta e stenderla. Foderare uno stampo imburrato (coi ritagli si fanno ottimi biscotti, a meta' cottura spennellati di miele e spolverati appena di zucchero di canna), bucherellare con una forchetta, e distribuire la crema sull'impasto.

Disporre poi le prugne sulla torta, ed aggiungere qua e la qualche fogliolina di menta.
Terminare con una spoleverata di zucchero mescolato alla cannella.
La ricetta parlava di 40 minuti di cottura, io ho sfornato la tarte dopo 30 min.

PS : Nico e Paco se portent bien, per i loro numerosi fan ecco due ritratti aggiornati.





9 commenti:

papavero di campo ha detto...

belli! amorosi!

et bonne tarte!

la belle auberge ha detto...

che espressione malandrina il tuo Paco! Splendida ricetta. Mi interessa molto questa brisée con un poco di zucchero; dev'essere assai indicata anche per le crostate con la marmellata. Terrò da conto.
buona serata

Haldeyde ha detto...

giura che non hai ritoccato il gatto con Photoshop! Sembra il maligno nella bimba dell'Esorcista

fedeccino ha detto...

Papavero, e' la famiglia ! Per me i miei scarrafoni sono proprio bellissimi :)

Eugenia, l'occhio di Paco sembra naturalmente truccato con l'eye liner, un'invidia ! Credo che sia questo che gli conferisce quell'espressione. Anche a me e' piaciuta la quantita' scarsa di zucchero della base, in effetti con l'acidita' delle prugne la torta era forse troppo poco dolce °_(per alcuni), ma con la marmellata dovrebbe funzionare a meraviglia.

Haldeyde, niente Photoshop.
E lui ti vede.
E sa dove abiti.

neve* ha detto...

E' bellissimo il tuo gatto. Sembra cattivissimo nella foto, magari è solo dispettoso.
Mi è arrivato il pacchetto. G*R*A*Z*I*E, sono entusiasta del canovaccio e della tovaglietta!
Dammi un po' di tempo, ma nel frattempo ti chiedo qual'è il tuo colore preferito?
Tsao

fedeccino ha detto...

ciao neve* :)
si' che e' bellissimo Paco, sembra cattivissimo perche' ha il sole negli occhi che gli fa felinamente restringere le pupille, ma in realta' e solo un tortello mordacchio, un po' artiglioso, ma tenerone. Un signor tortello che ha ora presumibilmente ben 14 anni.
Sono contenta che ti siano piaciute tovaglietta e canovaccio, vengono dalla bancarella di uno storico ambulante di stoffe del mercato di Lugo :)
Il mio colore e' assolutamente il rosso !
A molto presto

Eléonora ha detto...

Toc, toc, toc, s'il t'en reste un peu, j'en veux bien un bout ????

Chiara ha detto...

le bestiole sono splendide e la torta è da fare sicuramente, bellissima ricetta, complimenti! buona serata e buona settimana...

fedeccino ha detto...

Ciao Chiara, grazie !
Buona settimana anche a te :)

La Sorella DisSimile non è una testata giornalistica ma un semplice blog privato e amatoriale, senza alcuna pretesa giornalistica. Non può pertanto considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.